EMICRANIA E RACHIDE CERVICALE

INDIVIDUARE PAZIENTI CON EMICRANIA ESEGUENDO UN TEST DI PROVOCAZIONE DINAMICA DEL DOLORE SUL RACHIDE CERVICALE SUPERIORE.

INTRODUZIONE
L’influenza delle strutture periferiche come i muscoli del collo o le articolazioni vertebrali cervicali sull’emicrania e sui sintomi associati è l’argomento cardine di un dibattito scientifico in corso. L’ipotesi generalmente accettata, ovvero che l’emicrania sia principalmente una malattia del sistema nervoso centrale, è sfidata dall’alta prevalenza del dolore al collo riportata dai pazienti, precedentemente o durante l’attacco emicranico. Chi soffre di emicrania mostra un’aumentata frequenza di attivazione muscolo-scheletrica, che potrebbe essere basata su una co-localizzazione dell’ingresso afferente cervicale e al ganglio del trigemino e una connessione diretta dei nervi periferici con la dura madre attraverso le suture craniche, come è stato recentemente identificato nei modelli animali.

Se esiste una relazione causale tra le strutture periferiche, cioè le strutture cervicali e l’emicrania, dovrebbero essere identificabili le disfunzioni più comuni nei pazienti con emicrania rispetto ai partecipanti senza cefalea. Per studiare la frequenza e il tipo di risultati muscolo-scheletrici nei pazienti affetti da emicrania, gli autori dello studio hanno recentemente pubblicato un test di valutazione delle cefalee (HATs) che ha raggiunto un consenso internazionale tra gli esperti internazionali nella terapia fisica e nel mal di testa, come il più utile per la valutazione delle disfunzioni muscolo-scheletriche nei pazienti con mal di testa. Questo test è stato successivamente applicato ad un campione di 138 pazienti affetti da emicrania e 73 partecipanti (gruppo di controllo) senza mal di testa. I risultati di questo studio hanno mostrato una prevalenza sorprendentemente elevata di risultati muscolo-scheletrici (cervicali e toracici) nei pazienti con emicrania particolarmente nei trigger points dei muscoli suboccipitali e nell’esame manuale delle articolazioni cervicali superiori. Il 95% dei pazienti valutati aveva almeno 3 disfunzioni muscolo-scheletriche diverse.

Questi risultati sono in linea con le pubblicazioni su popolazioni più piccole di emicrania che riportano un maggior numero di trigger points e una ridotta mobilità della cervicale superiore durante la palpazione articolare, nonché un dolore riferito durante la pressione rispetto al gruppo di controllo sano. Altre pubblicazioni hanno riferito che solo i pazienti con cefalea cervicogenica presentavano cambiamenti congiunti durante la palpazione mentre i pazienti con emicrania non erano significativamente diversi dai partecipanti sani.

SCOPO
Lo scopo di questa breve relazione è stato quello di valutare la risposta dei pazienti emicranici rispetto ai partecipanti sani durante la palpazione della colonna vertebrale superiore (con e senza pressione mantenuta). Gli autori dello studio suppongono che questa procedura faciliterà chiaramente la distinzione tra i paziente e paziente e permetterà ulteriormente la definizione di sottotipi clinici. Sono discusse quindi le implicazioni potenziali per la fisiopatologia sottostante e per la gestione clinica.

I partecipanti
I dati qui presentati sono basati su 252 partecipanti (179 emicranie e 73 controlli sani). Le procedure sono descritte in dettaglio più sotto. In sintesi, una fisioterapista (più di 20 anni di esperienza post-laurea), non sapendo la diagnosi, ha esaminato tutti i partecipanti seguendo le raccomandazioni degli esperti internazionali di cefalea.

I pazienti che sono stati inclusi erano adulti, avevano un minimo di 2 anni di emicrania, diagnosticata da un neurologo esperto e esperto nella diagnosi e nel trattamento del mal di testa e avevano un minimo di 6 attacchi all’anno. I partecipanti che hanno avuto un massimo di 2 episodi di emicrania l’anno e che non soddisfavano i criteri di un qualsiasi tipo di mal di testa primario sono stati esclusi. I pazienti e i controlli sono stati esclusi nel caso in cui avessero una patologia al collo, tra cui l’osteoartrosi diagnosticata, la malattia reumatoide o psichiatrica o la disfunzione cranio-mandibolare. I pazienti con diagnosi di emicrania episodica dovevano essere senza mal di testa il giorno della nomina e durante le 48 h prima dell’esame. I pazienti con emicrania cronica dovevano essere esenti da emicrania il giorno della nomina.

PROCEDURA
E’ stata condotta la palpazione della colonna cervicale superiore con il paziente in posizione prona, con le sue mani a sostegno della testa. La pressione manuale è stata applicata sulla linea mediana di C1 e sui processi spinosi di C2 e C3. Successivamente è stata applicata una pressione sulla zona del articolazione C0/C1 e C1/C2 sul lato destro e sul lato sinistro. L’esatta procedura del test è stata descritta da Maitland, per testare la disfunzione articolare e da Watson & Drummond per esaminare i pazienti con mal di testa con una tecnica di pressione sostenuta.I risultati sono stati la provocazione del dolore (sì / no) e il dolore alla testa durante la pressione sostenuta (massimo 5 s) (sì / no).

RISULTATI
195 dei 252 partecipanti hanno mostrato dolorabilità locale alla palpazione della colonna vertebrale superiore, 159 di questi erano pazienti con emicrania. 93 partecipanti (82 pazienti con emicrania) hanno riportato dolore alla testa durante la pressione sostenuta.
Sulla base di questi numeri, la provocazione del dolore locale durante la palpazione della colonna vertebrale superiore ha mostrato un’elevata sensibilità di 0.888 e una minore specificità di 0.507, poiché la metà dei partecipanti senza emicrania riferiva comunque dolore locale alla palpazione. Il valore predittivo positivo è stato di 0.813, il valore predittivo negativo di 0.649.
Utilizzando una semplice palpazione della colonna cervicale superiore, i pazienti affetti da emicrania possono essere stratificati in tre gruppi: quelli senza dolore (11%), quelli con dolore locale (42%) e il quelli con dolore riferito alla testa durante la pressione sostenuta (47%). La combinazione di entrambe le componenti del test (palpazione e pressione sostenuta) ha un’elevata sensibilità e specificità per l’emicrania.

CONCLUSIONI
La risposta alla palpazione della colonna vertebrale superiore può indicare sottotipi di emicrania. La presenza di disfunzioni muscolo-scheletriche della colonna vertebrale superiore deve essere identificata e trattata per evitare l’inserimento nocicettivo continuo nel complesso trigemino-cervicale.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *